Geranio in Sicilia

geranio sicilianoCol termine Geranio si indica un pianta erbacea il cui nome scientifico è Geranium L. appartenente alla famiglia delle Geraniaceae. Questa famiglia comprende una grande varietà di specie e tutta una serie di ibridi ottenuti da incroci che vanno avanti ormai da decine di anni. Queste piante erbacee possono essere sia annue che perenni, i fusti sono nodosi e le foglie sono di forma variabile.

Gli steli fiorali esili e delicati possono raggiungere anche il metro d’altezza. Il fiore invece presenta cinque petali tutti uguali, cosa che ci consente di distinguerlo da quello del genere Pelargonium (anch’esso comunemente chiamato Geranio) che ha i due petali superiori differenti dai tre petali inferiori per colore e forma. Il frutto ha la caratteristica forma allungata che ricorda la testa di un uccello, tipica della famiglia delle Garaniaceae. Il geranio è molto diffuso, è presente nelle zone temperate di tutto il mondo ed alcune specie nascono spontaneamente in Italia.

Non è difficile notarli sui cigli delle strade o come ornamento di balconi e giardini grazie alla gran quantità di piccoli fiori colorati e vivaci. Questo è anche dovuto al fatto che non temono particolari parassiti e hanno una rapida diffusione che consente a questa pianta di espandersi rapidamente.

Geranio comune

geranio conumeIl Geranio comune o sanguigno (Geranium sanguineum) deve questo suo nome, con tutta probabilità, al colore rosso intenso assunto dai sui petali. Infatti esso a fine stagione ricorda  il colore intenso del sangue.

Si tratta di una pianta erbacea perenne di origine Europeo – Caucasico le cui gemme svernano al suolo protette dalla neve o dalla lettiera. L’altezza media è di circa 30 – 50 cm. e presenta un solo fiore per peduncolo e poche foglie.

Il fiore è di colore rosa carico per poi, come detto, tendere a un rosso porpora verso fine estate. È una pianta diffusa su tutto il territorio italiano fatta eccezione per la Sardegna. In passato è stata usata per le sue proprietà curative in particolare per guarire le ferite o per limitare la secrezione di liquidi.

 

Geranio dei Pirenei

geranio dei pireneiIl Geranio dei Pirenei (Geranium pyrenaicum) è una pianta erbacea perenne con radice legnosa e dal fusto ben eretto e ramificato. Può raggiungere anche i 60 cm di altezza. Le foglie sono palmato-partite e generalmente presentano cinque segmenti, dall’aspetto vellutato e carnoso.

Sono caratterizzate da un bordo arrotondato e dal colore brunastro. I pochi e piccoli fiori sono di colore rosa – violetto con delle nervature scure poste su un racemo terminale. I petali hanno un contorno cuoriforme. La fioritura di questa pianta va da aprile ad ottobre. È una pianta piuttosto diffusa.

La possiamo trovare infatti nei prati, nei terreni incolti o ai margini dei boschi di tutto il territorio italiano e dei rilievi europei. Cresce fino ai 1900 metri di quota.

 

Geranio San Roberto

geranio san robertoIl Geranio di San Roberto (Geranium robertianum), anche noto come “erba cimicina” e “cicuta rossa”, è una pianta erbacea annuale. Presenta fusti ascendenti o prostrati di colore verde tendente al rosso.  In autunno la colorazione rossastra è molto più accentuata, motivo per cui è anche detta “cicuta rossa”.

È una pianta piuttosto pelosa che emana un cattivo odore se stropicciata, da qui invece il nome di “erba cimicina”. I fiori sono di colore roseo violaceo con striature bianche che partono dal centro del petalo. Raramente i fiori possono essere completamente bianchi, e sono disposti a due a due su un lungo peduncolo. Questa specie è diffusa su tutto il territorio italiano così come in Eurasia, Africa settentrionale e in America atlantica. Il suo habitat naturale sono le rovine, le schiarite dei boschi e le zone a mezza ombra.

Questa pianta largamente usata nella fitoterapia grazie alla forte presenza di tannini al suo interno. Sono note infatti le sue proprietà diuretiche, antireumatiche, emostatiche, astringenti e antispasmodiche.

 

Geranio Striato

geranio striatoIl Geranio striato (Geranium dissectum) è una pianta erbacea spontanea e invasiva che raggiunge un’altezza massima di circa 40 cm. Il suo fusto è prostrato e ascendente, spesso strisciante, molto ramificato e cosparso di una leggera e breve peluria. Le foglie hanno lamina divisa in modo molto evidente in lacinie lineari a loro volta divise. Per questo è anche noto come “Geranio a foglie divise”. I fiori appaiati di colore rosa sono piuttosto piccoli (circa 4 – 5 mm) e sono formati da cinque petali bilobati con un peduncolo piuttosto corto.

Grazie a questa caratteristica è possibile distinguerlo dal Geranium columbinum che invece presenta peduncoli fiorali ben più lunghi.
È molto comune ai margini dei sentieri, in ambienti ruderali, nei parchi cittadini così come nei terreni incolti e asciutti.

La sua fioritura va dal mese di marzo fino a maggio inoltrato. Anche questa varietà di geranio è largamente usata per la fitoterapia. Sono note infatti le sue proprietà antisettiche, astringenti e toniche.

 

Altri articoli sulla flora siciliana

Su Fiori Blu Di Sicilia tronvi tanti altri articoli sui fiori siciliani e sulla flora siciliana in genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *